Confetti…un dono goloso...

Ma lo sapevate che i confetti nelle bomboniere e nei sacchettini dovrebbero sempre essere dispari, di numero indivisibile come il matrimonio!!!

Il confetto è considerato speciale come l’evento di cui è simbolo, per questo dovrebbe essere morbido, con un gusto pieno e preferibilmente alle mandorla intera.

Cinque sono le qualità che non dovrebbero mai mancare nella vita degli sposi: salute, ricchezza, felicità, lunga vita, fertilità e spiritualità, quindi il numero di confetti varierà da un numero di tre ad un massimo di cinque.

...la loro dolce storia...
Le origini dei confetti si perdono nel tempo, il primo confetto fu confezionato da un arabo e si trattava di un prodotto farmaceutico addolcito dal gusto che lo lo racchiudeva…un uso simile al nostro lo facevano i Romani che lo utilizzavano per festeggiare unioni e nascite..i confetti era prodotti con il miele anziché con lo zucchero, la letteratura francese del XIV sec. li trova profumati alla rosa, al muschioe alla violetta, citazioni di tali delizie vengono anche da Manzoni che ne parla come dono all’ordinamento delle suore…in italia approda ufficialmente in Sicilia, le famiglie nobili li offrivano come dono in preziosi contenitori d’oro.

Oggi i confetti siglano ogni cerimonia e tutti quei momenti speciali che meritano di essere ricordati nel tempo.

Stampa Stampa | Mappa del sito
La Sposa del Sud è un prodotto registrato da Varraso eventi S.r.l. E' vietata la Riproduzione anche parziale dei contenuti.